Milano allo Specchio: Tiziano a Milano con Eni Cultura

Quanti significati può nascondere una donna allo specchio? Ce lo suggerisce Eni Cultura, grazie a cui il celebre dipintoLa donna allo specchio (Femme au miroir)” di Tiziano ritorna in Italia. I visitatori possono ammirare il capolavoro del maestro veneziano dal 3 dicembre fino al 6 gennaio 2011 presso la Sala Alessi di Palazzo Marino a Milano. La mostra Tiziano a Milano, a ingresso libero, è organizzata da Eni Cultura in collaborazione con il Comune di Milano e con il Museo del Louvre, che ha concesso in prestito l’opera.

Il soggetto scelto quest’anno, nelle intenzioni degli organizzatori, vuole essere un omaggio alla bellezza e alla forza delle donne: un tema al centro degli attuali programmi e di numerose iniziative del Comune di Milano.

Quale soggetto migliore di una tizianesca bellezza per suggerire il mistero e la complessità dell’altra metà del cielo? Suggestivo l’allestimento, curato da Elisabetta Greci, che gioca con il tema del riflesso e dello specchio e ricrea un ambiente raccolto e silenzioso, che richiama gli studi cinquecenteschi.

Radicale anche l’interpretazione filologica che viene data alla tela. Lontano dagli estremismi delle interpretazioni  romantiche, spiega Mauro Di Vito, ricercatore di Storia della Scienza presso l’Università di Pisa, l’opera si ascrive alla categoria dei quadri di genere: al centro del dipinto vi è una dama dell’alta società non in compagnia dell’amante o del pittore stesso, bensì  alle prese con le cure di bellezza dei propri capelli fornite da un parrucchiere, che le porge lo specchio per ammirare il risultato dell’opera.

Duecentomila i visitatori attesi per l’edizione 2010, che negli anni passati ha permesso a oltre trecentocinquantamila persone di ammirare la “Conversione di Saulo” di Caravaggio, nel 2008, e il “San Giovanni Battista” di Leonardo, nel 2009.

La comunicazione conferma ancora una volta il forte orientamento verso l’arte della CSR Eni cultura, dopo gli spot incentrati sulle performance della sand artist israeliana Ilana Yahave e dello spettacolare multimedia designer Romano Marini Dettina.

La mostra ‘Donna allo specchio’ è comunicata anche sul web 2.0 grazie alla pianificazione di The Name: oltre al sito web, che racconta i contenuti dell’allestimento, è presente una fanpage Facebook, un canale YouTube e un’app per iPhone/iPad.

Infine, a corollario della mostra sono organizzati una serie di incontri di approfondimento con ospiti d’eccezione, che si svolgeranno nella sala Otto Colonne di Palazzo Reale: in primo di questi, il 9 dicembre, ha visto confrontarsi due generazioni e due stili opposti, la giornalista Miriam Mafai e la scrittrice Giulia Carcasi, che moderate da Antonello Piroso hanno affrontato e confrontato i rispettivi punti di vista sull’universo femminile. A seguire ci saranno altri due appuntamenti con nuove testimonial del punto di vista femminile.

Così, grazie all’energia della cultura, Milano si specchia e si scopre più femminile che mai.

Articolo sponsorizzato

Partage propulsé par Wikio

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: