Google+: costruire una base di follower in sette passi

Tempi duri o tempi d’oro per Google+? A oltre un anno dalla nascita, il social network avrebbe superato, secondo dati rilasciati a metà settembre dalla stessa Google, i 400 milioni di iscritti, con 100 milioni di utenti attivi al mese. Il dato relativo al numero di iscritti potrebbe essere in parte falsato dal fatto che per ogni utente Gmail viene automaticamente creato un profilo G+, mentre il numero degli utenti attivi mensilmente appare assai significativo se confrontato con il corrispondente dato dichiarato da Twitter – 140 milioni di utenti racimolati in sei anni d’onorato servizio. In Italia secondo dati rilasciati qualche mese fa da Vincenzo Cosenza gli utilizzatori di Google+ sono ancora un numero risicato di early adopters: parliamo di 2,7 milioni di visitatori attivi, con un tempo medio di permanenza sul social network di 3 minuti.

I visitatori unici su base mensile dei principali social network in Italia. Fonte: vincos.it.

Tuttavia nel panorama dei social network tutto cambia molto rapidamente e, se Facebook che fino a qualche anno fa pareva inattaccabile ora non lo è più, allo stesso modo anche Google+, che ha introdotto numerose funzioni utili come gli Events e il live streaming gratuito degli Hangouts e supporta un’app particolarmente efficace e apprezzata per l’uso mobile, potrebbe nel lungo periodo sottrarre consistenti quote di mercato ai principali concorrenti Facebook e Twitter.

Clive Roach ha scritto sul proprio blog un post molto interessante dove fornisce sette semplici consigli per incrementare i propri follower su Google+. Vediamoli:

1 – Invita i tuoi contatti presenti negli altri social network a entrare in Google+. In questo caso il successo atteso è maggiore per piattaforme come Twitter, Pinterest o LinkedIn rispetto a Facebook o altri social basati su relazioni di tipo amicale e familiare.

2 – Entra in contatto in maniera strategica con i contenuti pubblicati dalle persone. Individuare utenti ben collegati che condividono l’interesse per gli stessi argomenti, inserirli in cerchie ben profilate, studiare i contenuti da essi postati e iniziare a interagire con quei contenuti in maniera pertinente, utile e personalizzata è il modo migliore per aumentare la probabilità di venir aggiunti dagli interlocutori a propria volta in una cerchia.

3 – Dirigi i tuoi commenti diretti a persone presenti in post di Google+ condivisi da quelli nelle tue cerchie. Se nell’aggiornamento di stato o nel contenuto condiviso da uno dei tuoi contatti compaiono commenti di persone interessanti ma non ancora nelle tue cerchie, puoi rivolgerti a loro direttamente tramite la funzione di ‘live linking‘: digitando il tasto + seguito dal nome mandi una sorta di menzione, il destinatario riceve una notifica ed è probabile, nel caso si instauri una conversazione sufficientemente piacevole e stimolante, che la persona alla fine decida di seguirti.

4 – Aggiungi un +1 ai commenti che ritieni diano un valore aggiunto alla conversazione. È una cosa che non porta via molto tempo, ma dimostra a chi partecipa al thread che hai letto i loro commenti e apprezzi il loro contributo. In questo modo aumenti la probabilità che qualcuno si interessi a sua volta al tuo profilo e ti aggiunga ai contatti.

5 – Inserisci il link al tuo profilo G+ in posizione visibile all’interno del tuo blog, della pagina Facebook, del canale YouTube, di LinkedIn, Twitter, Pinterest, insomma in ogni piattaforma sociale in cui sei presente. Moltiplicare i link entranti moltiplica infatti la possibilità di essere raggiunti e aggiunti da sempre nuove persone.

6 – Condividi contenuti in maniera pubblica o con le ‘Cerchie estese’. Quando si pubblica qualcosa in Google+, si può scegliere di renderlo visibile non solo a determinate cerchie, ma anche in modalità pubblica oppure alle Cerchie estese. Nel primo caso il contenuto postato è pubblico, viene indicizzato e diviene ricercabile tramite motore di ricerca, nel secondo caso è visualizzabile non solo dalle proprie cerchie, ma anche dalle persone appartenenti alle cerchie delle proprie cerchie. Usare l’opzione ‘Pubblico’ o Cerchie estese’ aumenta significativamente la portata dei contenuti pubblicati e la possibilità di stabilire nuove connessioni. Altro strumento utile è il “Generate suggestions” che consiglia profili compatibili e che può essere utile seguire.

7 – Produci regolarmente post pubblici con contenuti di qualità. I post pubblici, comparendo nei risultati dei motori di ricerca, danno una maggiore visibilità, che va sfruttata quando i contributi proposti sono particolarmente significativi e originali, tali da spingere i follower a fare +1 e a condividerli. Queste azioni contribuiscono infatti a loro volta a fare apparire questi contenuti più in alto nei risultati di ricerca di Google. Una buona pratica consiste dunque nel creare un buon numero di post pubblici, accuratamente taggati e di argomento e registro compatibili per un pubblico più vasto rispetto a quello delle proprie cerchie, in modo da garantirsi nel tempo maggiore probabilità di esser trovato e seguito da sempre nuove persone.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di test 2 il ottobre 16, 2012 - 9:45 pm

    You need to take part in a contest for one of the highest quality blogs online.
    I’m going to highly recommend this site!

  2. #2 di ecommerce search engine optimization il maggio 6, 2013 - 11:39 am

    It comes as no surprise that JCP enney understands its customers, as they are unavoidable.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: