Archivio per la categoria Web marketing

Facebook: 7 consigli per ottimizzare le app senza ‘Like gate’

FacebookLikeGate3

Dal 5 novembre Facebook ha bandito la cosiddetta pratica del “like gating” sulle applicazioni terze parti – la procedura di chiedere agli utenti di fare “Mi piace” sulla pagina per poter accedere a contenuti speciali, servizi o per partecipare a contest. In pratica le API Facebook non restituiscono più il valore fan o non fan relativo ad ogni utente e risulta così impossibile mostrare contenuti diversificati per utente fan/non fan.

La motivazione di questa decisione da parte del social network è ottenere fan più qualificati, quindi migliorare l’affinità dell’audience e incrementare lo user engagement con i contenuti della pagina. L’algoritmo di Facebook come noto squalifica le pagine che abbiano una ratio engagement / numero di fan sotto la media. Secondo un recente studio dell’agenzia Syncapse, quasi il 50% dei fan ha dato “Mi piace” a una pagina per supportare il brand, mentre il 42% l’ha fatto per ottenere un coupon o uno sconto e il 35% per partecipare a qualche contest.

LikeGate

La pratica del like gating si è diffusa da tempo come alternativa efficace e veloce per incrementare il “numero di fan” di una pagina e di conseguenza garantirsi una maggior numero di visualizzazioni sui post. I successivi cambiamenti delle regole di visualizzazione dei contenuti nel newsfeed degli utenti hanno reso obsoleto questo sistema.

Ora Facebook con questa modifica toglie ogni dubbio, ma lascia anche molti marketer orfani del meccanismo. Anche se il sistema del Like Gate è ormai bandito, può essere ancora desiderabile per un’azienda aumentare il numero dei fan.

Ecco le sette strategie più efficaci per farlo:

1.  Proteggi la tua pagina da fan di bassa qualità. Puoi restringere l’accesso della pagina, ad esempio mantenendo la visibilità solo per certi Paesi o escludendone altri. È un ottimo modo per tenere alla larga gli utenti fake come anche gli spammer, e consente di indirizzare correttamente i propri messaggi: ad esempio inutile parlare worldwide, se l’azienda vende prodotti solo in area UE.

country-restriction

Ecco come customizzare la visibilità della pagina per Paese. La restrizione per Paese è un ottimo strumento per non disperdere visualizzazioni su aree poco interessanti per il proprio business.

2.  Utilizza il meccanismo dell’action-gate, chiedendo agli utenti di darti le informazioni che ti servono –l’email, il numero di telefono, la location ecc. – in cambio dell’accesso ai contenuti della pagina o all’applicazione. Molti brand lo declinano come un form che gli utenti devono compilare inserendo le informazioni richieste, prima di poter accedere ai contenuti.

Anche se non si può più distinguere se un utente è fan o no della pagina, è sempre possibile mettere un gate per accedere ai contenuti di altro tipo: il meccanismo si chiama action-gate.

Anche se non si può più distinguere se un utente è fan o no della pagina, è sempre possibile mettere un gate per accedere ai contenuti di altro tipo: il meccanismo si chiama action-gate.

 3.  Disegna la pagina per favorire il Like e l’engagement. È legittimo chiedere esplicitamente ai tuoi utenti di diventare fan ricordando che facendolo riceveranno gli aggiornamenti dalla pagina, con news in anteprima, promozioni, concorsi ecc. È probabile che chi visita la pagina sia interessato anche al brand e al prodotto e quindi chiedere il Like può far guadagnare fan alla pagina. Alcuni brand utilizzano la cover Facebook per comunicarlo, con un visual che evidenzi la posizione del pulsante “Mi Piace” e un copy che suggerisca i motivi per farlo. Altri brand inseriscono all’interno del meccanismo del content gate alcune call to action, in forma di pulsanti, come ad esempio “Diventa fan”, cliccando i quali si viene reindirizzati alla pagina Facebook.

Chiedere il ‘Like’ agli utenti può aiutare ad accrescere la fanbase. Per comunicarlo si può utilizzare lo spazio grafico della cover Facebook oppure inserire delle call to action nel form da compilare per accedere a contest o promozioni, come qui sopra.

Chiedere il ‘Like’ agli utenti può aiutare ad accrescere la fanbase. Per comunicarlo si può utilizzare lo spazio grafico della cover Facebook oppure inserire delle call to action nel form da compilare per accedere a contest o promozioni, come qui sopra.

4. Continua a utilizzare app terze parti per gestire i contest. Assicurati però che il concorso metta in palio premi rilevanti e in linea con la brand identity. Offrendo premi allettanti a un’audience correttamente profilata sarà più facile ottenere dei Like di alta qualità e preparare così una solida base da cui partire per le iniziative future.

5.  Aggiungi i social plugin di Facebook sul tuo sito e sul corporate blog. La presenza di un pulsante per diventare fan della pagina unito a un’efficace call to action può fare miracoli nel convertire i visitatori del sito in fan su Facebook. L’importante è usare un po’ di creatività!

Il celebre image-hosting site Imgur ha organizzato un “Facebook Like Day” pubblicando un banner sul proprio sito. Utilizzando un buon claim e una ragione convincente per dare il Like Imgur ha trasformato tanti leads in fan su Facebook.

Il celebre image-hosting site Imgur ha organizzato un “Facebook Like Day” pubblicando un banner sul proprio sito. Utilizzando un buon claim e una ragione convincente per dare il Like Imgur ha trasformato tanti leads in fan su Facebook.

6. Non esiste solo Facebook. Oltre che dal proprio sito, gli utenti possono arrivare su Facebook anche in altri modi. Ad esempio cliccando il link inserito in un messaggio di posta elettronica. Inviare una DEM ai propri contatti invitandoli a dare “Mi Piace” alla pagina e offrendo loro un valido motivo per farlo è una cosa abbastanza frequente per le aziende. E decisamente sensata: le mailing list di solito presentano un ROI maggiore rispetto ad altri mezzi, il che le rende strumento privilegiato anche per la raccolta di Like. L’importante in questo caso è mandare un’email esclusivamente focalizzata sulla richiesta di Like, che chieda chiaramente l’azione e che offra un benefit in linea con i valori del brand, tale da rendere allettante l’azione.

7.  Ricorri a campagne “Facebook Ads” altamente mirate. È cruciale identificare la target audience, dopo di che l’advertising su Facebook permette di guadagnare leads e Like di qualità. Cosa che con il Like-gate o comprando fan un tanto al chilo non sarebbe possibile.

like-gate

In conclusione, c’è vita oltre al Like Gate. L’importante per i brand è ripensare ai propri obiettivi, riducendo l’importanza del numero fan tra le metriche di valutazione dei risultati e definendo un posizionamento di nicchia con cui rispondere ai bisogni degli utenti con un contenuto interessante, unico, accattivante. È il momento di usare la creatività per inventare modi nuovi per raggiungere gli obiettivi di sempre.

, , , , , , , ,

Lascia un commento

10 consigli alle aziende per usare Instagram con successo – parte 2

instagram-645x250

Nel post precedente vi abbiamo dato i primi 5 consigli per chi voglia gestire un account Instagram di tipo business. Ora ve ne diamo altri 5 – il tutto naturalmente senza pretesa d’esaurire l’argomento.  Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

14 consigli per creare engagement su Facebook

Un’interessante white paper di Hubspot spiega come disegnare la propria pagina Facebook e riempirla di contenuti in grado di coinvolgere gli utenti. L’unico social network che può vantare un miliardo di active users e luogo di intercettazione privilegiato delle conversazioni più o meno private delle persone con i propri amici e parenti, Facebook è ormai un presidio irrinunciabile per qualsiasi marca. Ogni azienda, società e prodotto ha la propria business page su Facebook. Ma come gestirla al meglio? Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Christmas 2012: le migliori campagne d’auguri online

Iconica immagine natalizia - la ghirlanda fatta di confezioni Tiffany - pubblicata sulla pagina Facebook del marchio simbolo della gioielleria americana

Iconica immagine natalizia – la ghirlanda fatta di confezioni Tiffany – pubblicata sulla pagina Facebook del marchio simbolo della gioielleria americana

E anche quest’anno il Natale è passato. Com’è andato il periodo più ghiotto dell’anno per i brand? Passate le feste, è tempo di riflessioni e bilanci su quali sono state le campagne online più interessanti proposte dai maggiori marchi. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Social reading e dintorni: i social network preferiti dai lettori

heart-shaped-library

Bibliofili, bibliomani, librovori, o soltanto semplici lettori: qualunque sia il profilo in cui uno si specchia esiste il social network giusto per voi. In principium erat aNobii: una reader community nata ad Hong Kong, molto popolare in Italia, dove i topi di biblioteca potevano – possono – creare la propria biblioteca, pubblicare recensioni dei libri letti, scambiarsi opinioni, e magari individuare, in base alle affinità di gusti letterari, la propria anima gemella. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

Google+: costruire una base di follower in sette passi

Tempi duri o tempi d’oro per Google+? A oltre un anno dalla nascita, il social network avrebbe superato, secondo dati rilasciati a metà settembre dalla stessa Google, i 400 milioni di iscritti, con 100 milioni di utenti attivi al mese. Il dato relativo al numero di iscritti potrebbe essere in parte falsato dal fatto che per ogni utente Gmail viene automaticamente creato un profilo G+, mentre il numero degli utenti attivi mensilmente appare assai significativo se confrontato con il corrispondente dato dichiarato da Twitter – 140 milioni di utenti racimolati in sei anni d’onorato servizio. In Italia secondo dati rilasciati qualche mese fa da Vincenzo Cosenza gli utilizzatori di Google+ sono ancora un numero risicato di early adopters: parliamo di 2,7 milioni di visitatori attivi, con un tempo medio di permanenza sul social network di 3 minuti. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: