Articoli con tag pubblicità

Torna il Gunn Report, edizione 2014

Gunn-Report-image
Pochi giorni fa è stato rilasciato il Gunn Report 2014.

Il Gunn Report è per molti la vera e propria bibbia dell’advertising mondiale. Il progetto nasce nel 1999 dalla mente visionaria del pubblicitario Donald Gunn, e da allora ogni anno fornisce la propria personale classifica dell’eccellenza creativa.

Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , ,

Lascia un commento

La Toscana è Divina, errare è da pubblicitari

divina_toscana_4Bianchi litorali e sullo sfondo i faraglioni. Uno skyline con la cupola di Santa Maria del Fiore ma senza la Torre del Comune. Il David che troneggia all’aperto su una terrazza con vista sulla città.

Divide la campagna pubblicitaria realizzata per Toscana Promozione con l’obiettivo di valorizzare le bellezze della Regione e sostenere i flussi turistici. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , ,

Lascia un commento

La comunicazione nella moda italiana: Parah, Benetton, Piazza Italia alla prova del Mapping

Dove vanno i brand della moda Made in Italy in termini di comunicazione? In un mondo dove ormai di globale non c’è solo il piano marketing ma anche la strategia di comunicazione e dove un post o un tweet pubblicato con leggerezza può trasformarsi in un rovinoso stream di repliche che s’espande real time sui vari social network, è necessario un ripensamento della comunicazione per adattarsi al nuovo, mutato, complesso scenario. Ad esempio di come i vari marchi di abbigliamento e accessori nostrani stanno reagendo analizziamo il caso di tre diversi brand – Parah, Piazza Italia e Benetton – e di come declinano la comunicazione istituzionale nel contesto attuale. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Google: quando il web comunica offline

La società di Mountain View rinfocola la sua battaglia per conquistare lo status di leadership tra i giganti del web. E lo fa in maniera originale. Ha programmato infatti una campagna pubblicitaria in vecchio stile ricorrendo ai mezzi squisitamente classici dell’above the line. Ecco due spot per Google+ trasmessi in prime-time dalla prima metà di maggio negli Stati Uniti e attualmente in onda anche in Italia: Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

Super Bowl XLVI: ecco gli spot più belli

Immagine

Alcuni vanno dritti alla meta, altri no. Ma più o meno belli che siano, la 46ª edizione del Super Bowl, la finale del campionato della National Football League, il 5 febbraio scorso ha garantito come ogni anno la consueta parata di commercial spettacolari ad alto budget prodotti dai grandi brand. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

La seduzione del riccio: se l’adv sfodera gli aculei

Porcospini. Ricci. Istrici. Animali innocui e notturni, svantaggiati da un carattere schivo e da una brutta nomea guadagnata a furia di stereotipi sulle loro superperformance sessuali. Costantemente presenti nell’immaginario collettivo globale, dal filosofico dilemma di Schopenhauer ripreso anche da Freud fino al titolo del recente bestseller di Muriel Barbery, passando per un’icona pop come la mascotte della produttrice di videogiochi Sega, Sonic the Hedgehog   – di recente porcospini, istrici e affini si affacciano spesso nel panorama pubblicitario, dove ben si prestano, per le loro caratteristiche reali o stereotipiche, a essere utilizzati per reclamizzare prodotti e servizi di ogni genere. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

La pubblicità e il potere degli stereotipi

Lercio, privo di comfort, senza acqua corrente: la comunicazione di The Hans Brinker Budget Hotel, ad Amsterdam, è un unicum che sovverte gli stereotipi di settore.

Gli stereotipi – la generalizzazione di alcune categorie di persone o di oggetti, spesso accompagnata dalla loro esagerazione a scopo peggiorativo – è un meccanismo largamente utilizzato in pubblicità. Forse perché i 30 secondi canonici di uno spot non sono abbastanza per dare vita a un personaggio in carne e ossa. Forse perché stereotipi e pregiudizi stereotipici con il loro ancestrale radicamento nei nostri circuiti neurali sono potentissimi puntelli persuasivi per l’argomentazione pubblicitaria. Fatto sta che, siano spot o cartelloni pubblicitari, gli stereotipi affollano gli storytelling pubblicitari. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

4 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: