Articoli con tag viral

Virale, demenziale, popolare: è l’Internet meme

Magari non sapevate il nome ma di sicuro qualcuno lo avete visto. Parliamo degli Internet meme, uno dei fenomeni più particolari che caratterizza la rete negli ultimi anni. Per Internet meme si intende un’idea – può essere una frase, un’immagine, un video, un sito, ma anche un link o un hashtag – che si diffonde rapidamente da persona a persona sfruttando la velocità di propagazione del web.  Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

Videobranding: YouTube e il valore del video online per le imprese

Un filmato è per sempre. Forse perché ci stiamo spostando verso una società che comunica sempre più per immagini. O forse semplicemente perché nulla più del video è capace di forare lo schermo e arrivare dritto al cuore – e allo stomaco – dello spettatore. Sta di fatto che il formato video, e la sua principale piattaforma di condivisione YouTube sono strumenti che le aziende non possono più ignorare nella formulazione del proprio communication mixLeggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Brave new tweet: come usare Twitter con successo e vivere felici

Cartoon di Tony Gigov ©TwitterNonsense

Sulla sua importanza ormai non si discute. A cinque anni dalla nascita – era il 2006 – Twitter oggi conta 200 milioni di utenti registrati, mentre ogni giorno sono 180 milioni i tweet e 450.000 i nuovi account. Volevate sapere qualcosa su Twitter ma non avete mai osato chiedere? Potete leggere alcuni interessanti key fact del celebre servizio microblogging in quest’infografica realizzata da Touch Agency. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

A occhi chiusi: se in pubblicità le parole bastano

La pubblicità è fatta di parole. Che formano frasi. Che esprimono pensieri. Che scatenano emozioni. Che lasciano un ricordo indelebile. Ecco due esempi di recenti spot  in cui la bodycopy dello script è stata particolarmente curata. I risultati si vedono: in termini di efficacia, di capacità di intrattenere, strapparci un sorriso, di farci identificare col soggetto trattato. Emozioni allo stato puro insomma, che vengono suscitate dalle parole. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

Viral-driven: Volkswagen’s Fast Lane

In un mio recente post ho affrontato il tema di come alimentare il passaparola online, portando ad esempio un caso che presentava alcune problematicità. In ossequio al principio di equità impossibile ora astenersi dal mostrare come, invece, con un buon contenuto virale e un’intelligente orchestrazione strategica, si può brillantemente alimentare il buzz  attorno alla marca o al prodotto. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

Date loro una grande storia da raccontare: come alimentare il passaparola online

Le cascate informative e le possibili derive comportamentali di massa alimentate dal passaparola (tratto da http://shookrun.com/bf/bfcascades.htm)

Dalla notte dei tempi il passaparola è uno degli strumenti più potenti della comunicazione umana. Negli ultimi anni è emerso dal ruolo ancillare rispetto agli strumenti broadcast, gerarchici e unidirezionali imperativi nell’era dell’adv classica, guadagnandosi un posto di primo piano nelle strategie di comunicazione integrata. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: