Articoli con tag comunicazione

La comunicazione nella moda italiana: Parah, Benetton, Piazza Italia alla prova del Mapping

Dove vanno i brand della moda Made in Italy in termini di comunicazione? In un mondo dove ormai di globale non c’è solo il piano marketing ma anche la strategia di comunicazione e dove un post o un tweet pubblicato con leggerezza può trasformarsi in un rovinoso stream di repliche che s’espande real time sui vari social network, è necessario un ripensamento della comunicazione per adattarsi al nuovo, mutato, complesso scenario. Ad esempio di come i vari marchi di abbigliamento e accessori nostrani stanno reagendo analizziamo il caso di tre diversi brand – Parah, Piazza Italia e Benetton – e di come declinano la comunicazione istituzionale nel contesto attuale. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Google: quando il web comunica offline

La società di Mountain View rinfocola la sua battaglia per conquistare lo status di leadership tra i giganti del web. E lo fa in maniera originale. Ha programmato infatti una campagna pubblicitaria in vecchio stile ricorrendo ai mezzi squisitamente classici dell’above the line. Ecco due spot per Google+ trasmessi in prime-time dalla prima metà di maggio negli Stati Uniti e attualmente in onda anche in Italia: Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

A occhi chiusi: se in pubblicità le parole bastano

La pubblicità è fatta di parole. Che formano frasi. Che esprimono pensieri. Che scatenano emozioni. Che lasciano un ricordo indelebile. Ecco due esempi di recenti spot  in cui la bodycopy dello script è stata particolarmente curata. I risultati si vedono: in termini di efficacia, di capacità di intrattenere, strapparci un sorriso, di farci identificare col soggetto trattato. Emozioni allo stato puro insomma, che vengono suscitate dalle parole. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

Viral-driven: Volkswagen’s Fast Lane

In un mio recente post ho affrontato il tema di come alimentare il passaparola online, portando ad esempio un caso che presentava alcune problematicità. In ossequio al principio di equità impossibile ora astenersi dal mostrare come, invece, con un buon contenuto virale e un’intelligente orchestrazione strategica, si può brillantemente alimentare il buzz  attorno alla marca o al prodotto. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

In fuga per il risparmio

 

I want to believe. Se siete anche voi come l’agente Fox Mulder dei sostenitori della teoria degli oggetti volanti non identificati allora non dovreste avere difficoltà a credere agli avvistamenti, che si sono moltiplicati negli ultimi giorni, di carrelli della spesa che si muovono in apparenza senza alcuna forza motrice. Teatro degli avvistamenti la città di Roma. Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: